Missione e attività

La Fondazione Eduki si prefigge di promuovere l’educazione e la sensibilizzazione dei giovani alla cooperazione internazionale e al lavoro delle organizzazioni internazionali.
Ha inoltre lo scopo di sostenere la vocazione internazionale della Svizzera e di contribuire a creare legami duraturi tra le organizzazioni internazionali e i giovani.
In particolare, il nostro lavoro consiste in:
 

organiser

ORGANIZZARE VISITE ALTRE ATTIVITÀ
di scoperta delle organizzazioni internazionali e degli altri attori della cooperazione internazionale.

dEVELOPPER

SVILUPPARE DOSSIER TEMACI
e altri strumenti pedagogici sulla cooperazione internazionale e sui suoi diversi settori d’attività.

eXPLIQUER

ESPEGARE E FAR SCOPRIRE
il lavoro dei delegati che partecipano alle conferenze internazionali.

oUTILS

SVILUPPARE DIVERSI STRUMENTI
di comunicazione, in particolare via Internet.

SOUTENIR

SOSTENERE LE ATTIVITÀ SVILUPPATE DAI E PER I GIOVANI
in collaborazione con le organizzazioni o la cooperazione internazionale.

SUIVI

SVILUPPARE, SOSTENERE E/O ASSICURARE
il monitoraggio dei progetti che partecipano ai nostri obiettivi.

Pubblico
  • Allievi (tra i 12 e i 19 anni)

    Allievi della scuola secondaria I e II (12-19 anni)

  • Insegnanti

    Insegnanti della scuola secondaria I e II o equivalente

A proposito di Eduki

La Fondazione ha sede a Ginevra, nel cuore di uno dei maggiori centri della cooperazione, con circa 34 organizzazioni internazionali, 175 Stati rappresentati, 350 ONG e quasi 200 mila delegati di passaggio all’anno. La Fondazione Eduki vuole svelare questo mondo spesso poco o mal conosciuto, e permettere ai giovani di avvicinarsi al lavoro delle istituzioni internazionali.

A proposito di Eduki

La Fondazione Eduki permette ai giovani di :

Familiarizzarsi

con il lavoro delle organizzazioni internazionali, il loro valore e impatto sulla nostra vita quotidiana e nel mondo.

Trattare

le tematiche della cooperazione internazionale tale che lo sviluppo sostenibile, la tutela dell’ambiente, i diritti umani, l’assistenza umanitaria, la salute, lo sviluppo economico, le telecomunicazioni o la ricerca scientifica.

Scoprire

la varietà degli attori in campo e i diversi mestieri.

Dotarsi

di strumenti di riflessione critica sulle sfide globali che circondano i giovani e sulle loro capacità di azione per contribuire alle soluzioni (educazione allo sviluppo sostenibile)

Partecipare
a processi politici o della società civile che riguardano le relazioni internazionali (educazione alla cittadinanza globale)